LA CITTA' - B&B LE TORRI

Cerca
Vai ai contenuti

Menu principale:

Space bar
Piazza dei miracoli

Piazza dei Miracoli o   "Piazza del Duomo" fu centro religioso e luogo di culto fin dall'epoca degli Etruschi. Nella piazza vi si trovano la  Cattedrale di Santa Maria Maggiore, la Torre pendente il Battistero e il Camposanto monumentale. La Piazza dei Miracoli è stata riconosciuta nel 1987 come Patrimonio dell'umanità Unesco. Nel XIX secolo l'architetto Alessandro Gherardesca restaurò i monumenti conferendole l’attuale aspetto.


La  Torre di Pisa  famosa per la sua pendenza, altro non è che il campanile della cattedrale iniziò a pendere subito dopo la costruzione nel 1173 a causa del fondo sabbioso su cui è stata eretta e per le fondazioni che sono profonde solo 3 metri.  Nel 1998 vennero fatti interventi consistenti di consolidamento grazie alla rimozione di una parte del terreno al fine di generare un contro-equilibrio, la cerchiatura di alcuni piani e l’applicazione di tiranti di acciaio.


La cosiddetta torre pendente di Pisa  è il campanile della cattedrale di Santa Maria
La cupola di Pisa

Il  Battistero è dedicato a San Giovanni Battista, iniziato nel 1153 dal Diotisalvi verrà completato nel 1363 da Nicola e Giovanni Pisano. E’ un esempio della transizione dallo stile romanico a quello gotico e la sua circonferenza lo rende il più grande battistero d’Italia e del mondo. Al suo interno, degno di nota è il pulpito e l’ottagonale fonte battesimale. Famoso è l'eco dell'edificio.

Space bar
Il duomo di Santa Maria Assunta, al centro della omonima piazza, è la cattedrale medievale di Pisa nonché chiesa primaziale

Il  Duomo di Pisa o Cattedrale di Santa Maria Maggiore, è una chiesa medievale iniziata nel 1063 dall'architetto Buscheto. La facciata esterna attraverso una serie di epigrafi narra le vicende del monumento, dalla sua costruzione. L'interno presenta 68 colonne in stile classico e una serie di mosaici di influenze bizantine, mentre le arcate hanno influenze islamiche. Sopra l’altare si trova il mosaico delle "Maestà di Cristo" del Cimabue. Il celebre lampadario che oscillando ha fatto formulare a Galileo la teoria sull'isocronismo, che una volta si trovava al suo interno, ora è conservata nel Camposanto monumentale.

Museo delle Sinopie, In seguito al bombardamento del Camposanto monumentale, e all’incendio del tetto, molti affreschi che ricoprivano le pareti si rovinarono e l’unico modo per conservarli fu quello di procedere al loro distacco, con la tecnica dello "strappo", che portò alla scoperta delle sottostanti "sinopie" o disegni preparatori.  
Di particolare pregio è il "Trionfo della Morte" e della "Crocifissione" di F. Traini (1320 c.), delle "storie di Giobbe" di T. Gaddi e quelle del Benozzo Gozzoli. Questa è la più grande raccolta esistente risalente al 1300 - 1500.


Il Museo delle sinopie in piazza del Duomo a Pisa.
Piazza dei Cavalieri a Pisa è, dopo piazza del Duomo, la piazza più famosa della città.

Piazza dei Cavalieri.   Storicamente fulcro politico della Pisa medievale. Principale edificio della piazza è il Palazzo della Carovana, antica dimora dei Cavalieri di Santo Stefano e oggi sede della  Scuola Normale Superiore di Pisa, istituita da Napoleone Bonaparte e   succursale dell'Ecole Normale Supérieure di Parigi in cui gli studenti più meritevoli potevano perfezionare i loro studi. Studenti della Normale sono stati: Giuliano Amato, Carlo Azelio Ciampi, Massimo d'Alema, Enrico Fermi, Carlo Rubbia e Giosuè Carducci.

Space bar
Giardino di Pisa

L'orto Botanico. Istituito nel   1500 da Cosimo I dei Medici e dal medico botanico Luca Ghini, primo esempio al mondo di "Giardino dei Semplici" di proprietà dell'Università;, Della struttura originaria restano la facciata decorata con conchiglie, i pilastri del cancello e sei delle otto fontane.

Il murale realizzato da Keith Haring nel 1989 sulla parete esterna della canonica della chiesa di Sant'Antonio abate a Pisa. La superficie della parete misura circa 180 metri quadri (10 metri di altezza per 18 metri di larghezza), si tratta del più grande murale mai realizzato in Europa, l'ultima opera pubblica dell'artista statunitense, nonché l'unica pensata per essere permanente. « Pisa è incredibile. Non so da dove cominciare. Mi rendo conto ora che si tratta di uno dei progetti più importanti che io abbia mai fatto.» (Keith Haring, 19 giugno 1989)


1989: murale Tuttomondo a Pisa, su una parete esterna della chiesa di Sant'Antonio Abate; in ottimo stato di conservazione.
Un Palazzo dove si celebrano eventi

Posto sul Lungarno meridionale nel cuore del centro storico della città, a pochi passi dal Ponte di Mezzo e dal Palazzo Gambacorti, sede del Comune, l'antico palazzo nobiliare restaurato dalla Fondazione Pisa, e gestito dalla Fondazione Palazzo Blu, si propone come moderno strumento per l'arricchimento dell'offerta culturale della città e s'inserisce nel più ampio progetto di valorizzazione turistica del circuito di musei che si affacciano sul Lungarno, l'arteria di grande valore storico e culturale che attraversa la città da est a ovest.

Space bar
 
Torna ai contenuti | Torna al menu